La combustione

Con una pala caricatrice il cippato, la corteccia o la segatura viene trasportato dal magazzino al “moving floor”, ovvero un sistema di ripiani a spinta che caricano di volta in volta il materiale combustibile nella caldaia. L’impianto di combustione ha una serie di componenti: la griglia, la zona di combustione e postcombustione e infine lo scambiatore di calore che determinano la qualità della combustione. Ottenere una combustione ideale della biomassa è un compito estremamente difficile, in quanto la composizione del materiale e il suo grado di umidità spesso variano.

Le componenti più importanti dell’impianto sono:

Zone di fuoco, ognuna con un ventilatore primario a giri graduati
Regolatore della camera di combustione
Ventilatori secondari a giri controllati
Ventilatori di ricircolo a giri controllati
Misurazione delle temperature di combustione, dei fumi e dell’acqua
Misurazione della depressione
Misurazione O2

Tutti i valori registrati vengono analizzati in formato digitale da uno strumento di regolazione, che calibra di conseguenza tutte le componenti dell’impianto.

Fase della combustione:

Fase di riscaldamento: Brace o un innesco incendiario riscaldano il legno.

Fase di essicazione: I liquidi ancora presenti vengono evaporati. La velocità di essicazione dipende dalla conduzione di calore, dal calore specifico, dalla densità, dalle dimensioni del cippato e dalla quantità di liquidi contenuti.

Fase di decomposizione: A ca. 150 °C le componenti principali iniziano a decomporsi. Dapprima la emicellulosa e la cellulosa, poi, a 250 °C la lignina. Compare un prodotto di trasformazione dalla vita breve, il levoglocosano, da cui si formano immediatamente legami chimici come acido acetico, acetone, fenoli ed altri.

Fase di degassaggio: Ad una temperatura di lavorazione superiore ai 250 °C si formano i primi gas di combustione e di carbonizzazione. Superati i 280 °C le reazioni si fanno più intense, i gas liberati contengono elementi facilmente infiammabili come CO, CH4, H2, metanolo, catrame e olii. A circa 350 °C si raggiunge il massimo grado di degassaggio. Per poter utilizzare l’energia dei materiali prodotti nel processo di degassaggio, i gas devono bruciare. A tale scopo sono necessarie temperature di ca. 500 °C e l’integrazione di una suffi ciente quantità di ossigeno.


indietro ...

900°C è l’ideale temperatura di combustione per il cippato.