Modulo ORC

Nell’impianto di teleriscaldamento di Dobbiaco è stato realizzato il primo Modulo ORC (Organic Rankine Cycles) dell’Alto Adige, che è anche uno dei più grandi d’Europa. La potenza prodotta dal Modulo ORC arriva a 1.500 kW, a condizioni di lavoro ottimali sono stati raggiunti anche valori di 1.800 kW prodotti.

La tecnica utilizzata
Il calore prodotto dalla combustione riscalda l’olio termico nella caldaia. Il circolo dell’olio termico trasmette energia al processo ORC. Il principio della produzione di corrente per mezzo di processi ORC corrisponde al classico processo del vapore acqueo, con la differenza che invece dell’acqua si utilizza un mezzo operativo organico. Tale sostanza organica evapora in un vaporizzatore grazie allo scambio di calore con l’olio termico e si espande quindi nella turbina. La turbina alimenta in azione un generatore che produce corrente elettrica. La sostanza organica che fuoriesce dalla turbina in forma di vapore si raffredda in un rigeneratore grazie allo scambio interno di calore con altre sostanze liquide, fino a quasi condensare. Tutta l’energia rilasciata nel condensatore è utilizzabile ora come energia per il teleriscaldamento. La sostanza organica condensata, grazie ad una pompa di ricircolo, viene riportata alla pressione necessaria per l’esercizio della turbina.

Il modulo ORC produce 10 milioni di kWh di corrente ogni anno.